Bambini non creduti

 

 

Marco Marchese, presidente di "Associazione per la Mobilitazione Sociale Onlus" riporta sul sito di AMS la notizia e commenta l'ennesimo caso di abuso su bambini e di manifestazioni di solidarietà in favore dell'indagato.

 

Vibo Valentia, 14 apr. (Adnkronos) - Gli abitanti di Pizzoni, comune in provincia di Vibo Valentia, hanno organizzato un corteo di solidarieta' nei confronti di un uomo accusato di pedofilia. A promuovere l'iniziativa un comitato spontaneo convinto dell'estraneita' ai fatti contestati a un bidello, accusato di molestie insieme ad un'altra persona su un bambino di sei anni.
Al suo fianco nei giorni scorsi si e' schierata anche l'amministrazione comunale e il parroco don Renato Vilone che, secondo indiscrezioni, potrebbero partecipare alla manifestazione. L'itinerario partira' dalla piazza centrale del paesino e si concludera' sotto l'abitazione dell'uomo, che si trova agli arresti domiciliari da 5 mesi in attesa della prima udienza del processo che iniziera' il 28 aprile.

"Io non conosco gli atti e le indagini. Certo che un magistrato per mettere ai domiciliari qualcuno, qualche indizio se non prova l'ha. Ma mi chiedo la gente come può essere così sicura dell'innocenza di una persona, e manifestare per lui (e quindi contro il bambino e la sua famiglia, e i giudici) sostenendo la sua innocenza solo perché non hanno mai visto e notato nulla?
Del resto, l'abuso non ha mai testimoni. Per cui se nessuno ha visto, allora è perché non è successo, e quindi innocente.
Io penso solo che bisogna rispettare il lavoro dei magistrati, e in ogni caso, è un mio pensiero, tra un presunto pedofilo e una presunta vittima, io mi schiero dalla parte di quest'ultima."

../aiutaci anche tu. Dona subito!